I giorni di Benedetto Petrone

Proseguono a Bari le iniziative in preparazione al trentesimo anniversario del 28 novembre prossimo dell’assissinio del giovane militante comunista Benedetto Petrone. Alla libreria Feltrinelli viene presentata, questa mattina, la nuova edizione di un libro pubblicato nel 1978, a pochi giorni dal primo anniversario, e che ricostruisce il clima in cui si preparò l’omicidio e i fatti di quella giornata: gli autori sono Pasquale Martino e Nicola Signorile, il libro è intitolato Le due città. I giorni di Benedetto Petrone (Manni, pp. 112, euro 12) e questa nuova edizione è curata da Nico Lorusso e Ignazio Minerva.
Apre il volume una presentazione di Nichi Vendola, che ricorda: «Il 28 novembre 1977 la mia generazione ebbe il suo battesimo di sangue e dovette rapidamente farsi adulta: cercando di non perdere l’adolescenza della passione e la maturità della politica. Rifiutando la violenza e coltivando la memoria. Raccontando ai ragazzi di oggi la vita e la morte di un ragazzo di allora: e il suo stare al mondo con rabbia e con allegria, con vitalità e con generosità. Oggi che la memoria è prigioniera nell’isola dei famosi e l’impegno è asfissiato dall’antropologia del grande fratello, quelli che non accettano le leggi del mondo-market e della guerra permanente possono fermarsi qui a Bari, in quella grande piazza borghese, a sentire un frammento di storia e a coltivare collettivamente un sogno che vogliamo continuare a sognare».
Tra le altre iniziative legate al ricordo di Benedetto Petrone, segnalo la proiezione del documentario In memoria di Benedetto Petrone, con la regia di Francesco Lopez, il 28 novembre prossimo presso la Taverna del Maltese di via Nicolai e il 4 dicembre (ore 18) al cinema Kursaal Santalucia nell’ambito della rassegna Sentieri nel Cinema attualmente in corso.