“Il suono della festa” di Concetta Pomarico

il20suono20della20festa

Torniamo anche oggi a occuparci di Salento, ma arriviamo in provincia di Brindisi, a Oria, cittadina assai attiva in campo editoriale nella promozione delle sue tradizioni e della sua storia (ricordiamo i volumi già recensiti in precedenza, Della fondazione di Oria e Ad Oria il Cristo scende il Giovedì). Stavolta segnaliamo un volume che racconta la storia della compagnia bandistica della città di Oria, ad opera di Concetta Pomarico, dal titolo Il suono della festa. Oria: quasi due secoli di musica bandistica (Edizioni Del Grifo 2008). L’autrice è nata a Brindisi il 30/01/1979. Originaria di Oria, attualmente vive in provincia di Pordenone, dove è docente di Lettere. Dopo essersi diplomata in pianoforte al “Conservatorio Tito Schipa di Lecce”, sotto la guida del M° Carlo Scorrano, ha conseguito la Laurea in Lettere Moderne e l’Abilitazione all’Insegnamento per la Scuola Secondaria (SSIS). Le sue aspirazioni la vedono impegnata in concerti pianistici e corali, studi e ricerche di carattere sociologico-musicale e in convegni riguardanti il fenomeno bandistico pugliese.

Il volume è dedicato ad un aspetto peculiare della storia salentina cioè a quello degli artigiani che, a partire dagli inizi dell’800, si organizzarono per suonare in bande e fanfare, affrontando, generazione dopo generazione, difficoltà e impedimenti d’ogni sorta. Artigiani, dunque, impegnati ad esprimere oltre che passioni e talenti artistici innati, il proprio bisogno di promozione sociale e il proprio sentirsi, tutt’insieme, parte attiva delle vicende municipali e nazionali. L’autrice ricostruisce quindi la storia delle bande oritane dal 1836 sino ai nostri giorni attraverso una esauriente ricerca documentaria, e non solo, condotta negli archivi locali e presso l’Archivio di Stato di Brindisi.