“Tredici storie per tredici donne” di Giulia Basile

L’ultimo lavoro letterario di Giulia Basile, il primo pubblicato per la Stilo Editrice, è una raccolta di racconti intitolata Tredici storie per tredici donne (pp. 127, 10 €).

Tredici racconti brevi e diretti, in cui è eliminato ogni inutile fronzolo per dar spazio all’essenzialità delle vicende e degli stati d’animo in cui le protagoniste riversano senza quasi alcuna speranza di evasione. Tredici storie per tredici donne è, difatti, una raccolta amara, di donne che escono irreparabilmente sconfitte, sia per la loro mancanza di forza d’animo che di un intervento esterno che precipita gli avvenimenti in tragedia. L’unico scampo possibile pare essere la morte che acquieta la sofferenza e sigilla una volta per tutte il senso di disperata accettazione che emerge dalle centoventisette pagine della raccolta.

Le tre età della donna, che fanno da benvenuto artistico al volumetto della Stilo, sono pienamente attraversate dall’autrice attraverso una prosa quasi sempre descrittiva, che lascia poco spazio al dialogo, troppo spesso veloce e abbozzato. Ciò che importa non è quello che si dice, ma gli eventi vissuti e le riflessioni che ne scaturiscono: questo pare essere il senso della scelta narrativa dell’autrice pugliese.

Ogni racconto è introdotto da un titolo che riassume, con un breve schizzo, la vicenda, annotando anche il nome dell’eroina che s’imbatte nelle sue realtà quotidiane, impervie e insormontabili, che si tratti della bambina che, muta, accetta il dolore di una violenza sessuale o dell’anziana signora che va incontro alla morte nell’agghiacciante indifferenza dei familiari e degli operatori sanitari.

Il mondo al femminile è certamente vario e ancora non senza difficoltà, nonostante i progressi culturali degli ultimi decenni e gli spazi giustamente sempre più ampi che la donna riesce a ritagliarsi, oggi, all’interno della società. Le pagine sfuggono a quelli che possono essere i più eclatanti casi di cronaca, per soffermarsi, invece, su storie quasi sempre ordinarie, lontane dai riflettori, con cui la maggior parte delle donne potrebbero confrontarsi. Tredici storie per tredici donne mira pertanto a portare sulla pagine brevi storie che intendono porre l’attenzione su quanto, ancora, ci sia da combattere e guadagnare.

Francesco Pacini