Premio PugliaLibre 2012

Per il terzo anno consecutivo PugliaLibre assegna un riconoscimento alle migliori pubblicazioni dell’editoria pugliese e degli scrittori della nostra regione. La selezione è stata compiuta sulle oltre centocinquanta opere giunte in redazione nel corso del 2012 e recensite sul nostro portale. Rispetto agli anni scorsi, non abbiamo segnalato un vincitore per ognuna delle categorie prese in esame, poiché in molti casi era davvero difficile indicare chi risaltasse in particolare.

Tuttavia, nonostante la produzione editoriale pugliese sia ancora cospicua, non possiamo fare a meno di rilevare spesso un abbassamento degli standard qualitativi; meritoria è invece la maggiore attenzione dedicata alle problematiche sociali e di attualità (trainate dalla vicenda dell’Ilva di Taranto).

Il nostro augurio è che i lettori possano con la loro attenzione indirizzare sempre più le inevitabili scelte di mercato degli operatori culturali pugliesi e che questi ultimi possano avvalersi delle numerose opportunità offerte loro per acquisire visibilità e consapevolezza del proprio ruolo. A tal riguardo va senz’altro segnalato il Rapporto sullo stato dell’editoria in Puglia, elaborato dall’Osservatorio POP.

Di seguito i nostri riconoscimenti, indicati in ordine alfabetico.

Miglior casa editrice

Caratteri Mobili

Poiesis Editrice

Salento Books (Besa-Controluce-NegroAmaro)

Miglior romanzo

Il corpo estraneo di Marco Montanaro (Caratteri Mobili)

Il guardiano dei morti di Giuseppe Merico (Perdisa Pop)

L’autista delle slot di Caterina Emili (Besa)

Miglior raccolta di racconti

L’altoforno di Daniele Di Maglie (Stilo Editrice)

Sgualciti dalla vita di Niccolò Agrimi (Stilo Editrice)

Storie di martiri, ruffiani e giocatori di AA.VV. (Caratteri Mobili)

Miglior saggio o reportage

Generazione Ilva di Tonio Attino (Besa Editrice)

I meridiani di Luca di Bari (Edizioni Dedalo)

Il regno di Op di Paola Natalicchio (edizioni la meridiana)

Migliore raccolta lirica

Danza di nervi di Gianluca Conte (Lupo Editore)

Irpinia di Alfonso Guida (Poiesis Editrice)

Maremàje di Anita Piscazzi (Campanotto)

Migliore veste grafica

Bari racconta di Teresa De Francesco (Progedit)

Corimondo. La strina (Kurumuny)

Puglia in jazz di Gianni Cataldi (Caratteri Mobili)

Migliore libro per ragazzi

Il seme dell’equilibrio di Davide Carboni (Lupo Editore)

La maglia del nonno di Gabriella Genisi (Bianco e Nero)

Pasticcio di fata di Maria Pia Latorre e Paola Santini (Fasi di Luna)