“3 giugno 1981. Il giorno dopo” di Davide Carrozza

Cosa sarebbe accaduto a Rino Gaetano se quel 2 giugno 1981 fosse sopravvissuto all’incidente? Se lo è chiesto Davide Carrozza, scrittore gallipolino, traduttore e interprete d’Inglese, appassionato di saggistica, filosofia, letteratura e cinema. 3 giugno 1981. Il giorno dopo (Il Raggio Verde edizioni, pp. 104, euro 12) è il titolo del suo romanzo d’esordio che vuole essere un chiaro omaggio alla figura del cantautore calabrese. Il libro, impreziosito dall’immagine in copertina di Valentina Campa, intende proporre una rilettura dei suoi testi da un punto di vista poetico e filosofico. Un intento largamente spiegato nelle note dallo stesso autore che racconta la lunga genesi del romanzo e le persone che in qualche modo ne hanno condiviso il percorso. Con questo suo romanzo d’esordio, Carrozza riporta all’attenzione del lettore la vita di Rino Gaetano, ma – come scrive Claudia Forcignanò nella prefazione al testo – “non si limita ad una mera biografia postuma: concede al giovane cantautore un’altra possibilità, gli restituisce il sorriso facendolo rivivere in una dimensione completamente nuova, nella quale ha il tempo di riflettere e reinventarsi”.

Davide Carrozza nasce a Gallipoli 37 anni fa, vive a Roma dove insegna Lingua e Letteratura Inglese presso il Liceo Classico-Scientifico Manieri-Copernico e il British Institute. Collabora inoltre attivamente con il “Festival Del Cinema Europeo” di Lecce per il quale traduce i sottotitoli dei film in concorso e cura i contatti internazionali e con il “Forum di Coproduzione Euromediterraneo”.

3 giugno 1981 Il giorno dopo ha già collezionato alcuni riconoscimenti partecipando a concorsi letterari, nella sezione “testi inediti”, e classificandosi rispettivamente al terzo posto del Premio Casentino, Poppi (AR) 2012- XXXVII edizione e al quarto del Premio Montefiore 2013 (RN) (con il titolo Forse, non essenzialmente). Inoltre nel 2012 ha partecipato alla trasmissione radiofonica “Tramate con noi” di Radio 1.